Ipercifosi Osteocondrosica

Vi sono altre forme di ipercifosi toracica dell'adolescenza, che appaiono da subito più strutturate (rigide) e che hanno una tendenza all'accentuazione nel corso dell'accrescimento vertebrale. Queste forme, note come Malattia di Scheuermann dal nome dell'ortopedico che per primo le descrisse nel 1921,  sono caratterizzate da turbe dell'accrescimento delle vertebre toraciche, che vanno incontro ad un'accentuazione della fisiologica cuneizzazione anteriore dei corpi vertebrali. La malattia di Scheuermann è la forma più frequente di ipercifosi, avendo un' incidenza media stimata dall' 1% all' 8% della popolazione. L' eziologia è ancora incerta: la maggior parte degli autori ritiene che la causa sia imputabile a primitive alterazioni istopatologiche delle cartilagini fertili - con successiva inibizione dell' accrescimento somato-vertebrale - associata a fattori meccanici secondari. La diagnosi è agevole per le caratteristiche radiografiche peculiari, che sono la cuneizzazione vertebrale e le irregolarità dei profili dei piatti cartilaginei(Fig. 14).



  
 Fig.10  Fig. 11  Fig. 12

La malattia di Scheuermann è un'alterazione delle delle caratteristiche istologiche, della forma e della capacità di accrescimento della cartilagine dei piatti cartilalginei di accrescimento vertebrali (Fig. 10, 11), che sono deputati all'accrescimento in altezza dei corpi vertebrali. Tali alterazioni conducono ad una frammentazione dei piatti cartilaginei e, come conseguenza, ad un'alterazione della crescita con i corpi vertebrali che assumono, via via, una forma a cuneo (con base posteriore) sempre più accentuata (Fig. 13).

 
Fig. 13  

Le tipiche alterazioni delle limitanti somatiche dei corpi vertebrali (addensamenti, ondulazioni, noduli di Schmorl, anomalie delle apofisi anulari) sono agevolmente evidenziabili nei radiogrammi. Spesso alla deformità si associa una rachialgia dorsale legata al movimento e alla postura (dorsalgia meccanica), che a volte è il sintomo che per primo porta il paziente dal Medico.

Dal punto di vista clinico l'asseto dei pazienti affetti da M.di Scheuermann è caratterizzata dall'ipercifosi toracica, spesso associata ad una retroposizione del tronco (sproiezione posteriore del baricentro) (Fig. 14).



Fig. 14   Fig. 15

Trattamento

Il trattamento delle ipercifosi toraciche dell'adolescenza - così come quello delle ipercifosi da M. di Scheuermann - dipende dall'analisi di diversi fattori, che sono: l'età scheletrica; l'ìentità della cifosi: la sua correggibilità.

Le alterazioni dell'assetto sagittale del rachide possono cioè essere trattate con rieducazione posturale, corsetti correttivi, busti gessati. 

Rieducazione Posturale

Queste metodiche vanno riservate alle ipercifosi, che evidenziano una soddisfacente auto correzione attiva (v. Fig. 8). In ragione delle loro natura intrinseca, le ipercifosi osteocondrosiche non trovano di fatto indicazione al trattamento di rieducazione posturale. Senza entrare, in questa sede, negli specifici programmi di rieducazione posturale (che vanno affidati ai Fisiatri), pare opportuno ribadire ch, ferma restando la necessità di rieducare i gruppi muscolari ad un'attività più corretta, l'obiettivo della rieducazione posturale è il ripristino del controllo neurologico della postura, senza la quale qualsiasi miglioramento dell'attività muscolare cesserebbe, non appena distolta l'attenzione dall'esercizio specifico.

Trattamento Ortopedico (Corsetti - Gessi)

I principi che stanno alla base del trattamento Ortopedico delle ipercifosi toraciche strutturate nei soggetti in accerscimento non divergono da quelli propri del trattamento delle scoliosi evolutive. L'accentuazione della cifosi toracica conduce, allo stesso modo di quanto avviene per la scoliosi, ad un'accentuazione dei vettori di carico sul versante anteriore dei corpi vertebrali, con la coseguenza di rallentarne l'accrescimento (Fig. 16).

Fig. 16  

Gli obiettivi del trattamento dovranno quindi essere mirati ad invertire tale patologica tendenza all'aggravamento, ripristinando anche un corretto assetto globale della colonna. L'azione dei corsetti (ortopedici o gessati) sarà mirata alla correzione dell'ipercifosi toracica ed alla sproiezione in avanti del baricentro (Fig.21).

Corsetto di Agostini Antigravity 

Ideato e messo a punto dall'Equipe di Chirurghi, che facevano parte - sotto la guida del Prof. Agostini - della sezione Scoliosi della Clinica Ortopedica di Padova nel 1981, traduce in un corsetto amovibile i concetti sopra riportati e che sono alla base del busto gessato antigravity (ideato da J.C. Risser nel 1936 (Fig. 17).


Fig. 17

La correzione dell'assetto sagittale viene ottenuta con il  corsetto Antigravity di Agostini per mezzo della traslazione verso l'avanti del torace (rispetto al bacino), mentre il pressore anteriore sternale ha solamente uno scopo "propriocettivo" perchè "ricorda" al paziente la necessaria azione di autocorrezione attiva (Fig. 18).


  
  Fig. 18  

Anche in questo caso l'autocorrezione attiva giuoca un ruolo fondamentale nel trattamento di correzione, come appare evidente dall'esempio di Fig. 19. Altrettando importante è la ginnastica correttiva effettuata costantemente nel corso del trattamento.

 Fig. 19

 

Di frequente, a fronte di un'indicazione al trattamento con corsetti (e ciò avviene anche in caso di scoliosi) viene richiesto (sia da parte del soggetto, che da parte dei genitori) quale sarà la lunghezza - in termini di tempo - del trattamento. E' necessario ribadire in questa sede che, in considerazione del periodo di accrescimento (Rapido Vertebrale) e del relativo rischio di aggravamento della deformità, il trattamento dovrà essere protratto sino al termine della crescita vertebrale, per non dover assistere (qualora la correzione venisse a cessare prima del termine della crescita) ad un nuovo aggravamento della deformità , legato all'accrescimento vertebrale residuo. In altri termini: tanto più precocemente sarà stato iniziato il trattamento, tanto maggiore sarà stata la correzione ottenuta, tanto più a lungo essa sarà stata mantenuta, tanto migliore sarà il risultato finale (Fig. 20).

Fig. 20  

Busto Gessato Antigravity

Ideato nel 1936 da Risser, viene confezionato sull'apposito lettino ed è riservato a quelle cifosi la cui entità (e rigidità) non consente un trattamento con corsetto amovibile (Fig. 17). I principi della correzione sono stati elencati in precedenza; quello che appare evidente (sia nei disegni che nell'esempio di Fig. 21) è che l'azione correttiva si concretizza nella sproiezione verso l'avanti del baricentro corporeo.

 Fig. 21    

Trattamenti "combinati"

La capacità correttiva dei busti gessati è indubbiamente maggiore di quella dei corsetti amovibili, e ciò valga anche in caso di scoliosi evolutive. Spesso è possibile, una volta ottenuta la correzione con un mezzo più "potente", mantenerla successivamente con un mezzo menopotente, ma di fatto più accettabile. E' per tale motivo che, in casi selezionati, è possibil, una volta ottenuta una soddisfacente correzione con busti gessati, manteneral - sino a termine di accrescimento - con corsetti amovibili.

Trattamento Chirurgico

I concetti generali del trattamento chirurgico delle ipercifosi toraciche non sono sostanzialmente differenti da quelli del trattamento chirurgico delle scoliosi e si basano su: correzione ed artrodesi posteriore. La correzione, un tempo affidata (per un lungo periodo dopo l'intervento) all'apparecchio gessato, viene garantita - fino a maturazione dell'artrodesi - da una strumentazione posteriore. Ciò consente, al pari di quanto avviene per le scoliosi toraco-lombari, di evitare la necessità di tutele gessate nel post - operatorio (Fig. 24).

Fig. 22
Fig. 23
Fig. 24

La tecnica chirurgica prevede, per così dire, un accorciamento degli elementi posteriori (lamine) delle vertebre e l'applicazione - per messo di mezzi di strumentazione - di forze in compressione (Fig. 22, 23). L'artrodesi vertebrale (la fusione ossea) completerà l'intervento.

CHIRURGIA DEL RACHIDE
Via Giustiniani, 2 - 35128 Padova
Telefono: 049-8213367 - 049-8213370 Fax: 049-8213366
E-mail: [email protected]

Edificio di Ortopedia
Reparto: 2 piano ala est
Ambulatori divisionali: piano terra ala est
Direzione e Segreteria: 1 piano ala est.